Anime randagie – Arriva Lucio.

Ieri pomeriggio, quando mia moglie è rientrata dal lavoro, siamo usciti e siamo andati in canile, a trovare il nostro amico Lucio. Lucio è un cagnolino di piccola taglia, nero, di circa due anni e, se tutto va bene, fra qualche giorno entrerà a far parte della nostra famiglia. Mio figlio è entusiasta, ogni volta che andiamo in canile, in questi giorni, vorrebbe prenderlo e caricarlo in macchina. Purtroppo però, per vari motivi, dovremo aspettare ancora qualche giorno. Nel frattempo andremo a trovarlo, per socializzare e stare un po’ insieme. Ieri sera, quando siamo arrivati in canile, una volontaria stava portando Lucio in un prato recintato, dove i cani rifugiati in canile vengono condotti a turno per poter giocare e correre in libertà, al di fuori del loro recinto. Corrado, che non ha mai avuto cani, sta imparando in questi giorni a giocare con Lucio, a non averne paura, ed è contentissimo. Guardando Corrado che giocava col suo nuovo amico, mi sono ricordato di quando io avevo più o meno la sua età, e giocavo con Moira, una barboncina un po’ anziana che era stata regalata a mia madre. Tornati a casa, dopo cena, ho acceso il computer e sono andato a rivedermi alcune foto che aveva scattato mia madre tanti e tanti anni fa, quando io giocavo con Moira. Mi sono tornati in mente quei bei momenti, quelle sensazioni ed emozioni che può trasmetterti il tuo cane quando sei bambino. Sì, non c’è dubbio: voglio condividerle con mio figlio. Vieni presto Lucio, noi tutti ti aspettiamo a braccia aperte.

Bruno Manzini.