Anime randagie – Quando ti rubano anche gli affetti….

Oggi voglio fare un appello. Domenica scorsa, a Mestre, è avvenuto l’ennesimo furto in appartamento. Dico ennesimo perché, in quell’appartamento, sono già stati fatti due furti, precedentemente.  Ma quello che fa diventare ancora più odioso questo furto, è il fatto che è stata rubata una scatola di legno chiaro che conteneva le ceneri di un cane, fedele amico per tanti anni dei proprietari dell’appartamento. Nella casa erano presenti degli altri oggetti di valore, che invece sono stati ignorati. Adesso i proprietari chiedono la restituzione delle spoglie del loro cane, e quindi vi prego, vi prego con tutto il cuore di restituire la preziosa scatola. Rendetevi conto che per loro questo non è un bene materiale, ma qualcosa che riguarda i loro sentimenti: per voi non ha nessun valore. Non serve che la restituiate di persona, basta anche metterla in un posto dove possa venire trovata dalla polizia, o dai vigili urbani; magari potreste anche fare una telefonata, se non l’avete più con voi, dicendo dove l’avete buttata. Spero vivamente che abbiate ancora un po’ di umanità, perché se posso capire (anche senza approvare), che si rubino degli oggetti di valore per rivenderli e guadagnarci qualcosa, proprio non riesco a tollerare che si facciano soffrire inutilmente due persone, colpendole così nei loro affetti.
Bruno Manzini.