RadiorEvolution Incontra ADMO

DA ANNI VAI IN GIRO A DIRE CHE SEI UNICO… È MALEDETTAMENTE VERO! (ADMO)

In compagnia di un redivivo Matteo (#unmercoledìdarevolution) e la regia di Luca (Perché ci vuole orecchio), una speciale intervista a due membri dell’ADMO, Associazione Donatori Midollo Osseo, qui a Parma.

Martina, volontaria ADMO Parma, e Pietro, sanitario della sezione di Parma, ci hanno raccontato l’esperienza di questa associazione che organizza campagne di sensibilizzazione alla ricerca di nuovi potenziali donatori di midollo osseo, di cui tiene anche un registro.

Si è parlato di compatibilità. Purtroppo è molto rara, 1 su 100 mila. Si basa tutto su una sequenza presente nel nostro DNA, l’HLA, per questo più persone si coinvolgono più possibilità ci sono di aiutare i pazienti, spesso bambini.

A cosa effettivamente serve il midollo osseo? Attraverso trapianti, per curare i casi più gravi di malattie legate alle componenti del sangue (linfomi, leucemie, talassemie, anemie).

Pochi i criteri per diventare donatori: età (dai 18 ai 35 anni), peso (maggiore di 50 kg), e ovviamente non avere malattie del sangue o malattie croniche gravi o da altri gravi forme infettive (AIDS, epatite, ecc.). La disponibilità del donatore resta valida fino al raggiungimento dei 55 anni.

5 mila nuovi potenziali donatori iscritti al registro in tutta l’Emilia Romagna, (di cui 900 solo a Parma) nel 2015, il 70% di essi sono tra i 18 e 25 anni (“il midollo più è giovane più funziona”) fanno della regione “La locomotiva d’Italia”, ma si può fare sempre di più!

Eventi: il 7 Maggio c’è stata “La Festa del Dono”, insieme ad altre associazioni, in Piazza Garibaldi. Il 21 e 22 Maggio ci sarà al Parco DucaleLa salute scende in piazza, in collaborazione con il SISM (Segretariato Italiano degli Studenti di Medicina).

Cosa succede quando si è chiamati? Controlli più accurati per vedere lo stato di salute del potenziale donatore ed effettiva compatibilità con il paziente, dopodiché si può donare in due modi: tramite il sangue periferico o prelievo dalla cresta iliaca, raggiungendo direttamente il midollo osseo.

Come si capisce se sei un potenziale donatore, o come ci tiene a specificare Pietro “come si diventa potenziali supereroi?”: col prelievo del sangue, ma si è trovato un altro modo per evitare gli aghi, il kit salivare! Basta passare il tampone all’interno della guancia che permetterà di effettuale il sequenziamento genico della sequenza HLA (che è quella che interessa) inserendoti in una banca dati.
Purtroppo la maggior parte delle volte un potenziale non diventa mai un effettivo donatore.

 

Contatti: ADMO Parma >  https://www.facebook.com/admoparma/?fref=ts

E-mail > [email protected]

Telefono > 0594224413 o 0594222684

 

Il lavoro da fare è notevole, ma stiamo gettando il cuore oltre l’ostacolo. (Pietro, membro ADMO)