Anime randagie – Nella morsa del gelo.

Oggi, viste le condizioni climatiche in cui ci troviamo, vorrei fare un appello. Forse non tutti sanno che è possibile, anche per un breve periodo, ospitare un cane, di quelli rifugiati nei canili, a casa propria. È quello che comunemente viene definito stallo; si tratta di una adozione in piena regola, solo che è temporanea, per un tempo da definirsi di comune accordo con gli operatori del canile. Molti canili in Italia, a causa del maltempo, sono alla ricerca di persone disponibili ad ospitare un cane temporaneamente. Come per le adozioni normali, chi vi si accinge per la prima volta, dovrà semplicemente rivolgersi al canile più vicino e mettersi a disposizione. Molto probabilmente degli operatori faranno una visita per controllare che ci siano le condizioni idonee e poi, in uno stretto giro di tempo, il cane verrà affidato. Se comunque non potete rendervi disponibile per questo, potreste comunque aiutare il canile più vicino magari raccogliendo qualche vecchia coperta e, perché no, magari chiedere anche ai vostri vicini di casa se ne hanno. Tante volte basta un piccolo gesto per rendersi utili e fare una buona azione.

Bruno Manzini.