Cose che Capitano

1. Rum e coca. Cesare Battisti arrestato in Bolivia. Finalmente ha smesso di tirarsela.

2. Attenti a quei due. Atterrato a Roma si è trovato davanti Salvini e Bonafede. Non potevano infliggergli pena peggiore.

3. Social-insta. Battisti tradito dal Wi-fi dell’aeroporto. Pare che fosse saltata la copertura.

4. Prendi le misure. Salvini indossa la divisa della Polizia. Quella della Guardia di Finanza gli sta troppo stretta.

5. Prendi i soldi e scappa. Saviano attacca il capo della Lega: “quella divisa è dello Stato”. Come i 49 milioni del resto.

6. Vespe truccate, anni ’60. Di Maio: “siamo alle soglie di un boom economico”. Non fa già ridere così?

7. Recessione di cittadinanza. Istat annuncia crollo della produzione industriale a novembre. Quindi Di Maio ha ragione, tra poco facciamo “boom” per davvero.

8. Auto-Grillo. Di Maio e Di Battista in viaggio in macchina verso Strasburgo. Ne potrebbe uscire mezzo libro, visto che uno dei due non sa scrivere.

9. Bilanci. Tav. Nuova gaffe di Toninelli che sbaglia a citare i km dell’Italia e della Francia. Secondo l’analisi costi-benefici dal 2018 al 2019 non è cambiato assolutamente nulla.

10. Medici in prima linea. Grillo e Renzi firmano un patto pro-vaccini con Burioni. Nell’attesa che inventino il vaccino per l’egocentrismo.

11. Capitani coraggiosi? Salvini contro Baglioni sui migranti: “te li faccio arrivare tutti a Sanremo, tanto è già pieno di scappati di casa”.

12. Food-porn. La foto con più like su Instagram rappresenta un uovo. Salvini è già pronto per farne una frittata.

13. Differenze. Ad accogliere Battisti c’erano Salvini e Bonafede, per Antonio Megalizzi c’era Mattarella. Forse anche questa è una forma di giustizia.