Weekend gastronomico di QuantoBasta nel territorio Modenese – 1, 2, 3 Marzo 2019

Non si poteva sperare in un inizio migliore per il mese di marzo.

Noi di QuantoBasta siamo stati ospitati dal Consorzio Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, alla fiera Verdi Passioni, dove abbiamo potuto conoscere da vicino le eccellenze gastronomiche di questo territorio.
Mercoledì 27 febbraio abbiamo avuto il piacere di intervistare lo Chef Stellato Luca Marchini presso il suo ristorante “L’Erba del Re” per capire come l’innovazione in cucina deve attingere dalle tradizioni culinarie. Con l’arrivo a Castelfranco Emilia, il primo marzo siamo entrati nel vivo di questa nostra passeggiata gastronomica per la Food Valley italiana.

Nel primo pomeriggio, abbiamo intervistato Rossella Monari, che dopo anni di carriera abbandona il suo lavoro per concedersi totalmente alla cucina diventando titolare e chef de “L’osteria del tortellino”. Con le mani in pasta, ci ha raccontato la sua esperienza nella ristorazione e la tradizione del tortellino, piatto tipico quanto conteso con la vicina Bologna.

Poi ci siamo spostati a Modena, dove abbiamo avuto la possibilità di conoscere Luca Bonacini, un giornalista e critico enogastronomico, che, tra un consiglio e l’altro per il nostro futuro nella gastronomia, ci ha raccontato i segreti della città della Ghirlandina e dei prodotti tipici della zona.  Non potevamo non concludere la giornata con una buonissima cena a base di tortellini freschi e fritti preparata dalla Monari!
Ma è nella giornata di sabato che, in un misto tra tensione ed emozione, abbiamo condotto la nostra prima diretta radiofonica “fuori porta”, dedicata interamente alla città di Modena. Abbiamo raccontato la storia del tanto amato Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, esplorandone poi la produzione e gli utilizzi in cucina grazie anche all’intervento di Sofia Malagoli, responsabile della comunicazione del Consorzio.
A fine giornata, poi, la signora Barbara ci ha portati tra i fornelli per mostrarci come preparare le tipicità casalinghe della zona: gnocco fritto e tigelle (o meglio crescentine) che abbiamo gustato, come tradizione insegna, insieme al pesto di lardo, al Parmigiano Reggiano e ai tanti salumi della zona.
L’ultima giornata di questo ricco weekend gastronomico è stata un susseguirsi di interviste ad esperti del settore: a farci visita Maurizio Fini, Gran Maestro della Consorteria, che ha spiegato la differenza tra Consorzio e Consorteria e successivamente Vania Franceschelli, presidentessa dell’Ordine del Nocino Modenese, che ci ha raccontato la storia di un altro dei simboli gastronomici del territorio.
Un’esperienza ricca di interviste a produttori, grandi chef stellati e cuoche, che, di generazione in generazione, mantengono viva la tradizione culinaria del territorio modenese!
Non perderti le puntate su www.radiorevolution.it e le video interviste sulle nostre pagine social.

La redazione di QuantoBasta di RadiorEvolution