‘Botte’ di ferro

Basta.
Chiudo tutto.
Qui si sta troppo stretti. Stretti come sardine.
Che oddio, in realtà si sta benissimo. Guardarsi attorno e (ri)scoprire che la realtà si compone di tanti colori è una bella sensazione.
Il mondo non è in bianco e nero. Perché mai dovremmo lasciarlo nelle mani di chi vorrebbe farne una versione ‘total black‘?
Il nero è il colore dell’oscurità e con l’oscurità rischiamo di non vedere più nulla.
Pensiamo al Black Friday e ci dimentichiamo dei Fridays for future.
Vogliamo estrarre il petrolio dalle profondità del mare, le stesse dove affondano i barconi dei migranti.
Nero è l’odio che si riversa nella rete e fuori.
Come a Montecitorio. La nostra magnifica classe politica è riuscita a trasformare la Camera in un campo di battaglia.
Un ramo del Parlamento è diventato il luogo dove i politici si prendono a botte.
Che stupido, io credevo si chiamasse Parlamento perché fosse un luogo di dialogo e di confronto, un luogo dove, per l’appunto, si ‘parla‘.
Se invece volessimo seguire l’etimologia, dovremmo rinominarlo e chiamarlo ‘sbottamento’.
Il luogo dove i politici ‘sbottano’. Che fa rima con lo ‘sbattimento’, ovvero quello che abbiamo noi quando siamo costretti a guardare certe scene.
In un Paese civile e democratico, la classe politica dovrebbe dare il buon esempio.
Possibilmente non l’esempio della Meloni. Una che con il 5,12% di presenze alla Camera, si permette di accusare gli altri di ‘assenteismo‘.
Con tanto di foto del transatlantico, senza sapere che, mentre lei era impegnata a giocare con lo smartphone, gli altri erano al terzo piano, a lavorare nelle commissioni.
Ma lei è Giorgia: donna, madre, cristiana… e anche un po’ fancazzista.
Una che ci tiene così tanto all’essere donna che si è alleata con la Lega di Salvini.
E indovinate? Proprio un simpatico consigliere leghista ha detto che “il 90% di quelle che denunciano di aver subito violenze, mentono“.
Devono essere proprio bugiarde queste donne, anche se ci sono quei cattivoni dell’Istat a dargli ragione e affermare che si verifica un atto di violenza ogni 15 minuti.
Le idee dell’estrema destra italiana sono così conservatrici, che addirittura gli uomini delle caverne pare abbiano lasciato scritture rupestri raffiguranti sardine pur di dissociarsi.
Le donne valgono molto di più. Oddio, però esiste una con il titolo di Miss Hitler che stava cercando di fondare un movimento neonazista con tanto di armi, quindi concedetemi di avere almeno un piccolo dubbio.
Un dubbio amletico: essere o non essere antifascisti?